noolyta's world

the secret everyday life of a struggling independent director

Una domenica a Milano


So che questo non è un aggiornamento che ha a che fare con video e affini ma ogni tanto ci vuole anche una piccola off topic rispetto ai miei soliti post filmici.

L’occasione mi è venuta in mente semplicemente pensando alle domeniche primaverili e settembrine cittadine ed a come sia cambiato il modo di trascorrerele rispetto a quando per me erano da passare tassativamente fuoriporta o nella mia Brianza. Se anche solo fino ad un paio di anni fa per me era quasi inconcepibile pensare di trascorrere il weekend in città ed ogni scusa era buona per impugnare il trolley di venerdì sera (inviti da amici, finesettimana fuori Milano, strusci comaschi, rientri in famiglia, grigliate, gite, compleanni & varie…), insomma, se prima ogni scusa era buona per salutare le mura meneghine fino al lunedì mattina, in questi ultimi tempi devo dire che mi sono ricreduta ed ho scoperto il piacere di vivere la città anche quando tutti i milanesi sono via.

E’ proprio vero che, come mi dicevano tempo fa alcune amiche che vivono in altre città, è proprio in certi periodi (weekend, estate, feste) che si riesce a godere appieno del posto in cui vivi perchè quando tutti partono lo senti un po’ più tuo e riesci a goderti quelle strade, quei locali e quei luoghi che di solito scorgi passandoci accanto di fretta oppure sono troppo affollati per poterli apprezzare con calma.
Così ho pensato di approfittare di uno dei primi weekend di settembre (ancora quasi estivi visto il caldo) per fare una piccola dichiarazione d’amore alle domeniche milanesi e alla bellezza di perdersi in città senza niente di particolare da fare, magari dopo aver fatto le solite ore piccole la sera prima quindi ancora più propense al girovagare tranquillo senza meta, se non il godersi una Milano che ti sembra di riscoprire ogni volta ai ritmi rallentati di una domenica qualunque.


Ecco quindi qualche frammento di quello in cui mi sono imbattuta in questa giornata:
– una colazione veloce con caffè americano e muffin insieme a pochi altri avventori (ok molto English breakfast)
– fiori che ricoprono come un tappeto il cortile sotto casa
– una pausa dal sapore americano con donuts all’Arnold Coffee (dedicato a tutti gli italiani esterofili che amano Starbucks). Ps: forse i muffin ai  mirtilli più grandi di Milano!
– Il laghetto del Parco Sempione che dalla primavera in poi diventa sempre più popoloso per chi ama anche solo il sano far niente seduti sul prato
– un’altra pausa dal sapore internazionale con un aperitivo svedese in zona Vigentino
– un giro ai Navigli curiosando tra gli scaffali di un negozietto vintage.

Insomma che dire? Non sono poi così brutte le domeniche milanesi per tutti noi che ne scappavamo, no?!

26 risposte a “Una domenica a Milano

  1. piccolatigre 13 settembre 2011 alle 19:21

    Molto evocativo. E invidiabile😉

    • noolyta 13 settembre 2011 alle 21:08

      Ma grazie! Ogni tanto il dolce far niente senza meta ispira più di tutto il resto, o comunque ci vuole a prescindere!

  2. xsoxiox 5 ottobre 2011 alle 16:36

    Che bello quante volte ho vissuto le Tue sensazioni, passeggiando vicino al porto, e soffermandomi a degustare una bella sfogliatella, con il suono delle campane delle chiese di domenica mattina, e il grido dei gabbiani.
    A volte viaggiamo tanto per andare in posti esotici, ma la soddisfazione di sedersi su un muretto ad osservare il mondo senza impegni e la schiavitù del tempo, ripaga più di qualsiasi viaggio.
    Complimenti davvero!

    • noolyta 5 ottobre 2011 alle 19:15

      Ciao, hai ragione, anch’io mi sono accorta tante volte che siamo così abituati a scappare via dalla città forse presi dall’abitudine e dai ritmi frenetici che ci fanno programmare ogni pomeriggio o weekend libero che non vi rendiamo conto di quanto sia piacevole riscoprire la propria cittá quando non si è costretti a vederla di corsa dai finestrini di un tram!
      Certo, a Milano non ci sono nè porto nè gabbiani e non sai quanto invidio la tua sfogliatella (!) ma a volte basta solo guardare quello che vediamo tutti i giorni con occhi diversi per coglierne una bellezza nuova!
      A presto!!

  3. Titti 5 ottobre 2011 alle 23:45

    Ma che bel blog! Ti ho scoperta perché tu hai scoperto me. Magnifico!
    Ti verrò a trovare qui, posso?? E, da milanese, non posso che compiacermi per i luoghi che descrivi. Il caffè Arnold (sto arrossendo……) non lo conoscevo.
    Thank you!!
    Ti aspetto da me!
    Titti

    • noolyta 6 ottobre 2011 alle 09:39

      Ciao Titti!
      ebbene sì, anch’io ho scoperto il tuo blog e sono riuscita a commentare il tuo post stamattina con calma. Certo che puoi passare quando vuoi, come io curioserò tra i tuoi post su new york che mi faranno morire d’invidia!
      E poi sì, l’Arnold coffee può essere una bella sorpresa ed il posto giusto per quando si cerca un posto simile alle caffetterie di…vediamo un po’…NY?
      A prestissimo allora e godiamoci Milano allora e quello che può offrire!

      Un salutone!
      ps: aspetterò dritte sulla grande mela😉
      Ciao!!

      • Titti 6 ottobre 2011 alle 17:38

        Rieccomi!!!! Byeeeee
        Titti

      • noolyta 7 ottobre 2011 alle 00:13

        Ciao Titti! Bentornataaaaa…solo che ogni volta che leggo il tuo nome mi viene da pensare a NY, mannaggia!! Notte!🙂

  4. Mademoiselle 21 ottobre 2011 alle 10:57

    E’ da giugno 2008 che non metto piede a Milano, dopo un lungo anno passato a fare la spola per un master in formula weekend. Delle mie trasferte ricordo soprattutto la fatica e per questo forse Milano non è in cima alla mia hitlist di città italiane. Ma mi segno i tuoi piccoli piaceri milanesi…chissà mai che diano d’ispirazione per una prossima gita!🙂 buon weekend

    • noolyta 21 ottobre 2011 alle 12:08

      In effetti capisco che per sua natura Milano non sia nella hitlist delle cittàitaliane di molti ma devo dire che io me ne sono innamorata pian piano vivendoci e devo dire che ho scoperto che ha degli angoli, dei luoghi, dei ritmi che sfuggono alla maggior parte delle persone (che di solito ci sfrecciano per motivi lavorativi). Spero allora tu possa divertirti alla tua prossima gita milanese! Buon wekend anche a te!

  5. enry 25 ottobre 2011 alle 10:02

    Ciao Noolyta!
    sono contenta che tu mi abbia fatto una visita! così ho scoperto il tuo blog😉
    A proposito di Milano… ma sai che ogni volta che ci capito (non abito molto lontano…) la apprezzo sempre di più?!
    Ho molti amici che ci vivono e ci lavorano e si lamentano continuamente. Io trovo che sia una città molto bella e stracolma di interessi, cose da fare, da vedere… bisogna saperla vivere, questo è certo!
    Torna presto a trovarmi!🙂
    Enry

    • noolyta 25 ottobre 2011 alle 13:20

      ciao Enry!
      grazie di essere passata nel mio blog, stamattina ho visto il tuo ed è davvero molto carino!
      Ebbene sì, anch’io amo Milano e me ne sono innamorata dopo qualche anno anche se ancora mi trovo a combattere contro tutti quelli che ci vengono solo per lavoro o vivono fuori che non fanno che notarne i lati negativi. Ancora non sono riuscita a convincerli ma non importa, saremo in meno a godercela e ad apprezzarla😉
      Passerò presto a trovarti senz’altro…a presto allora!
      Buona giornata!

      • enry 26 ottobre 2011 alle 15:51

        Grazie Noolyta! mi fa molto piacere!
        Ho altri due blog oltre a questo. Su questo qui http://dailyhipsta.wordpress.com/ ho messo proprio oggi e qualche giorno fa qualche post su Milano!😉
        Buona giornata anche a te!😉

      • noolyta 26 ottobre 2011 alle 16:45

        Ciao figurati! Ho visto le foto di Milano, davvero belle! Eh sì non c’è che dire, Milano così sembra ancora più bella! Buona giornata e a presto, ciao!

  6. kiver 7 novembre 2011 alle 17:54

    milano è bellissima. anche quando è brutta. milano ti cambia sotto il naso, ma non se ne va. sparisce e riappare, magari non più bella. attenzione ai palazzi e alle piazze. milano e di gomma, può respingere ma anche proteggerti dagli urti. ha le ringhiere e i grattacieli, la metro e i tram di legno. milano parla lingue diverse e però e piccolissima. forse perché è la mia città, ma mi piace anche quando non mi piace.

    • noolyta 7 novembre 2011 alle 18:40

      Hai ragione. queste cose le può notare solo chi ci vive. E spesso forse più dei milanesi di nascita che continuano a dire che “non è più come una volta” è più amata da chi l’ha scelta, come nel mio caso. A me Milano piace quasi di più quando piove, quando è grigia, quando è inverno e la scopri guardandola da dentro la sciarpa e il cappotto. Sarà ma a me piace proprio per quello che non si vede!

  7. treninpartenza 23 novembre 2011 alle 12:41

    dove è questo posticino x l’aperitivo svedese??🙂

    • noolyta 23 novembre 2011 alle 13:16

      Ciao! Il posticino in questione si chiama Mud Art Cafè ed è in v.le Bligny, 42. Molto carino, a presto!

  8. Laura 24 novembre 2011 alle 16:47

    Milano ha un fascino particolare, adoro lo shopping e starei giorni interi solo a gironzolare per negozi, ma non e’ solo questo, e’ la magia che ha una citta’ cosi’ bella……poi pero’ torno nel mio paese tranquillo in mezzo al verde….grazie della tua visita, mi ha fatto piacere, sei sempre la benvenuta ed io torno qua da te, sicuramente, buona serata a te da Laura!!!

    • noolyta 25 novembre 2011 alle 00:21

      Ciao Laura, è vero, Milano spesso nasconde la sua bellezza e bisogna cercarla un po’ oltre i negozi e le vie del centro. Poi questa è anche la stagione in cui mi piace di più, con le giornate corte e la nebbia! Grazie di essere passata, torneró sicuramente a leggere il tuo golosissimo blog…a presto!
      Anna

  9. ivansangiorgi 26 novembre 2011 alle 07:34

    un tuffo nel passato

    • noolyta 27 novembre 2011 alle 08:35

      Spero un tuffo piacevole😉. Grazie di essere passato, a presto!

  10. ipitagorici 1 dicembre 2011 alle 21:07

    Sono d’accordo con lo spirito del post, anche a me fa impazzire Genova nel weekend, senza fretta di andare in ufficio, senza fretta di pranzare al volo, senza fretta…

    Un giro al Porto, un pezzo di focaccia dove la fanno buonissima, e passeggio fra chiese, vicoli, negozi, spesso “da scoprire”…

    • noolyta 1 dicembre 2011 alle 21:30

      E’ verissimo, è incredibile quanto cambi la stessa città in cui vivi quando ti prendi il tempo di girarla quasi da turista e non dovendo correre dietro a metropolitane, tram spesa da fare, commissioni varie e lavoro! Forse è proprio il “senza fretta” il segreto😉 A prestissimo e buone domeniche a Genova allora (città che a me piace molto ma che non visito ormai da troppo tempo!).

  11. mangiachetifabenebimbo 10 dicembre 2011 alle 11:23

    carinissimo questo post!! effettivamente milano di domenica è un altra milano!! l’ultima volta che sono stata per lo spettacolo di catalano mi ha datto questa stessa impressione!!🙂

    • noolyta 10 dicembre 2011 alle 13:08

      Grazie! In effetti è vero, anche la stessa città in cui vivi ti sembra diversa quando te la godi in una giornata senza impegni!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: